10.png13.png02.jpg09.jpg12.png11.png03.jpg04.jpg08.jpg07.jpg06.jpg05.jpg01.jpg

Vincitori 15.a ediz. del Concorso "Un Testo per noi"

COMUNICATO STAMPA
CORO PICCOLE COLONNE - TRENTO, XV CONCORSO “UN TESTO PER NOI”: ECCO LE 10 CLASSI SUL PODIO

Selezionati tra 200 partecipanti, i testi vincitori, composti dagli alunni della scuola primaria e - novità di questa edizione - anche delle ultime classi della scuola dell’infanzia, provengono da tutta Italia ed anche da Inghilterra e Irlanda.

Ora, grazie alla collaborazione di artisti di fama nazionale e internazionale, le parole dei bambini diventeranno canzoni che saranno presentate al Festival della Canzone europea dei Bambini all’Ice Rink di Baselga di Piné il 25 e 26 aprile 2020.

Ecco finalmente l’annuncio dei risultati della XV edizione del concorso “Un Testo per noi”, indetto dall’Associazione Coro Piccole Colonne di Trento e rivolto a tutte le classi delle scuole primarie, e da questa edizione anche alle classi dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia, d’Italia e del mondo (purché in esse si studi l’italiano), invitate a comporre le parole di una canzone. Tra i 200 i testi arrivati da tutta Italia e dall'estero (dall’Irlanda, Repubblica Ceca, Regno Unito, Germania, Croazia, Argentina, …), una giuria di esperti, formata da educatori, giornalisti e musicisti, ha scelto i 10 testi, tutti vincitori a pari merito, destinati a diventare nuovi brani per bambini.

Vi sono alcune curiosità legate al concorso quest’anno. Anzitutto sul podio salgono due classi trentine, la V della Scuola primaria di Andalo ed “i grandi” della Scuola dell’infanzia di Baselga di Piné, ai quali spetta il primato di più giovani vincitori nella storia del concorso. Da segnalare vi è poi la presenza di due classi provenienti dalle isole britanniche, la classe IV St. George’s RC Primary School di York (Inghilterra) e le classi III e VI dell’All Saints’ National School di Wicklow (Irlanda). E, infine, non passa inosservata la presenza al completo della Scuola primaria di Cantalupo nel Sannio (Isernia), che ha concorso con un testo scritto insieme da quattro classi.

Quest’anno le fonti di ispirazione dei bambini sono state la natura e gli animali, l’origine del mondo e l’era glaciale, l’amicizia e la condivisione, la cucina e gli ingredienti tradizionali ma anche, come accade quasi ad ogni edizione, un’originale riflessione sulla grammatica.
Ecco nel dettaglio i testi vincitori:

Stay safe, della classe IV della St. George’s RC Primary School di York (Inghilterra), guidata dalle insegnanti Laura Casimo e Janet Butler: un piccolo originale decalogo per evitare i rischi domestici, in particolare quelli legati all’utilizzo dell’elettricità

Working together, delle classi III e VI della All Saints’ National School di Wiklow (Irlanda), guidate dall’insegnante Aoife Kenny: piccole difficoltà quotidiane o grandi problemi mondiali, il segreto per affrontarli è sempre quello di farlo insieme

Il peperoncino ballerino, della classe III A della Scuola primaria Campora San Giovanni di Amantea (Cosenza), coordinata dall’insegnante Anna Maria Pasquino: in cucina come nella vita un pizzico di peperoncino aggiunge allegria e creatività, favorendo la condivisione

La bronchite dei dinosauri, della classe III A Scuola primaria Sartirana di Merate (Lecco), sotto la guida dell’insegnante Emilia Gandini: sulla causa dell’estinzione dei dinosauri i bambini non hanno
dubbi, con l’arrivo dell’era glaciale furono tutti vittima di una gran brutta bronchite

L’acca mutolina, delle classi I, II, IV e V della Scuola primaria di Cantalupo nel Sannio (Isernia), con il sostegno delle insegnanti Marilena Monaco, Maria Anna Monaco, Debora Concetta Loffreda, Simona Bettini: per i giovani studenti non è difficile cadere in errore e dimenticarsi dell’acca, ma imparando questo brano non ci si potrà più sbagliare

La pizzica della medusa, della classe II B della Scuola primaria “Elisabetta Vendramini” di Pordenone, con il coordinamento dell’insegnante Roberta Selan: il pizzico della medusa si trasforma in una… pizzica e ci suggerisce che, per affrontare i piccoli problemi di ogni giorno è utile un po’ di leggerezza

Gigetto Supereroe, delle classi III A e III B della Scuola primaria “Dante Alighieri” di Fabrica di Roma (Viterbo), guidate dalle insegnanti Nicoletta Pezzato e Mariana Benedetti: Gigetto è un piccolo bruco che svela ai bambini la sua incredibile magia e si trasforma, proprio come fosse un supereroe, in una variopinta farfalla

Un tipo speciale, della classe IV della Scuola primaria di Montone di Mosciano Sant’Angelo (Teramo), supportata dall’insegnante Anatolia D’Egidio: attraverso l’osservazione delle differenze esistenti tra le note musicali i bambini cantano la bellezza della diversità, che è sempre “una risorsa da apprezzare”

Il ballo delle ciaspole, della classe V della Scuola primaria di Andalo (Trento), coordinata dall’insegnante Cristina Tenaglia: in montagna le attività per il tempo libero sono tutte divertenti ed entusiasmati, e i bambini ne scovano una in più, il “ballo delle ciaspole” (il ritornello è in dialetto trentino)

Non so il perché, della Scuola dell’infanzia di Baselga di Piné (Trento), con l’aiuto delle insegnanti Rita Ioriatti e Sara Martinelli: l’arrivo di un fratellino porta inevitabilmente con sé un po’ di gelosia e rabbia, sentimenti che i bambini hanno analizzato ed “esorcizzato”

Ora i testi vincitori saranno musicati da grandi nomi della musica leggera italiana per diventare nuove bellissime canzoni per bambini. Tra gli artisti confermati, oltre all’instancabile direttrice del Coro Piccole Colonne Adalberta Brunelli, tornano Al Bano, il Maestro Alterisio Paoletti, Paolo Baldan Bembo, Franco Fasano, Maurizio Piccoli, Lodovico Saccol, Sandro Comini e, new entry di questa edizione, Sylvia Pagni, artista definita “la Kramer in gonnella” per la sua grande passione per la fisarmonica e che ha collaborato con grandi artisti come Riccardo Muti, Placido Domingo, Josè Carreras, Carla Fracci.

Il concorso si concluderà con il Festival della Canzone europea dei Bambini, previsto il 25 e 26 aprile 2020 al Palazzo del ghiaccio di Baselga di Pinè (Trento). Nel corso dello spettacolo tutti i brani verranno eseguiti dal Coro Piccole Colonne e ad ogni classe vincitrice spetterà il compito di animare, mimando o ballando, la canzone realizzata sul proprio testo. Ciascuna classe, inoltre, completerà la coreografia creando i propri costumi.

Il Festival condivide i medesimi fini del concorso, ossia coinvolgere gli alunni della scuola primaria e dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia in un progetto (il testo di una canzone) da realizzare in gruppo con la guida del proprio insegnante, avvicinare i bambini alla musica in modo creativo, creare nuove canzoni per l’infanzia che costituiscano un efficace mezzo di comunicazione permanente, promuovere la dimensione europea creando occasioni di dialogo interculturale fra coloro che formeranno l'Europa del domani e contribuire alla diffusione della lingua italiana in Europa (per regolamento i testi elaborati all'estero infatti devono contenere almeno una parte in italiano).

Per maggiori informazioni: www.piccolecolonne.it, http://festival.piccolecolonne.it, anche su YouTube e Facebook


Ufficio stampa
Koiné Comunicazione - Ilaria Tonetto
Mob. 348 8243386 | www.koinecomunicazione.it


Iscriviti alle Newsletter delle Piccole Colonne